Ba a pulì lu culu a li gallinacci!

4/10/2021 | Dialetto Reatino

Il termine “gallinacciu” stava a indicare una persona benestante, ricca.

È un detto ormai in disuso ma molto in voga fino a pochi anni fa quando, scarseggiando il lavoro, ma anche volendo evadere dalla famiglia, qualche giovane esprimeva il desiderio di recarsi in un’altra città più grande dove pensava che avrebbe potuto realizzare ogni suo sogno. Ma il realismo che ha sempre albergato nel senno dei più vecchi faceva sì che questi dissuadessero il giovane ad allontanarsi per andare alla ventura poiché prevedevano che, per lui, l’unico lavoro possibile sarebbe stato quello di andare a prestare umili servizi presso qualche famiglia benestante. Da qui il modo di dire: “Ma do’ ba? Ba a pulì lu culu a li gallinacci!”.

da Sofonisba Antonetti, Modi di Dire Reatini di Ieri, di Oggi.

Letteralmente “gallinaccio può essere interpretato come “tacchino”, metaforicamente una persona stupida.

Scritto in collaborazione con Riattivati – Associazione Culturale

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Non classificato. Tipo: HTML Local Storage / Scadenza: Persistente
  • www.mafregate.it

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi